fbpx

Premio di studio in memoria di Manlio Malabotta

L’Istituto di Storia dell’Arte bandisce un concorso annuale per un premio di studio di 1000 euro destinato a storici dell’arte, laureati, specializzandi, dottorandi, dottori di ricerca, che per ragioni inerenti al loro campo d’indagine e alle loro ricerche, su temi e argomenti specificatamente indicati nel bando, debbano compire un viaggio di studio e/o stabilirsi temporaneamente in una città diversa da quella di residenza e di domicilio, per studiare e fare ricerca presso istituti di ricerca, musei, biblioteche, archivi, fondazioni culturali.

 

Il termine di presentazione delle domande è fissato improrogabilmente al 30 aprile 2019.

 

L’iniziativa intende onorare la poliedrica figura di Manlio Malabotta (Trieste 1907-1975), poeta e intellettuale, critico d’arte militante, bibliofilo, appassionato di fotografia e fine collezionista d’arte del Novecento, che ha ricoperto un ruolo di spicco nella cultura italiana del secolo scorso. La sua raccolta comprendeva opere di Giorgio Morandi, la splendida raccolta di oli, disegni e litografie di De Pisis – per la quale la sua collezione è celebre – sculture di Arturo Martini, dipinti di maestri triestini (Vittorio Bolaffio, Giorgio Carmelich). Molte delle sue opere sono oggi conservate, grazie alla generosità della moglie Franca Fenga Malabotta che ne ha disposto la donazione, presso importanti istituzioni museali italiane, come il Museo Revoltella di Trieste o la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara. La raccolta è stata concepita in stretta contiguità con la ricca biblioteca d’arte, arricchita nei decenni da preziosi libri d’artista illustrati da opere grafiche dei grandi maestri del Novecento, in piena sintonia con le predilezioni di Malabotta e strettamente connessi al coté dei suoi legami amicali e delle sue relazioni intellettuali.

La Fondazione Giorgio Cini è entrata recentemente in possesso, grazie al conferimento da parte di Franca Fenga Malabotta, della ricca raccolta grafica di Manlio Malabotta: disegni e stampe di Attardi, Biasion, Cassinari, Chagall, Dova, Guacci, Guidi, Kubin, Lilloni, Maccari, Marini, Mascherini, Minguzzi, Morandi, Morlotti, Reggiani, Vedova, Zigaina e libri d’artista con opere grafiche di Barbisan, Bartolini, Carmelich, Carrà, Cesetti, Clerici, De Chirico, De Pisis, Gentilini, Guttuso, Maccari, Martini, Rosai, Sassu, Scipione, Viviani, Zancanaro. A questa si è aggiunto un nucleo di pregio di libri antichi di argomento istriano e dalmata.

 

Scarica BANDO Borsa premio MALABOTTA